Crea sito

Pranopratica

La pranopratica si effettua canalizzando la vibrazione della Terra, che i test radiestesici e kinesiologici hanno segnalato come la più adatta per ottenere effetti benefici sull'uomo, sugli animali terrestri e sulle piante. Il pianeta Terra ha una sua vibrazione specifica di 7,82 hertz, la quale corrisponde a 7.820 Unità Bovis; tale frequenza è riferita alla Terra primordiale, cioè all'ipotetico pianeta privo di insediamenti umani, non inquinato, non attraversato da onde radio e da campi elettromagnetici creati dall'uomo. Se non ci fossero edifici, stabilimenti industriali, corrente elettrica, macchinari, smog e quant'altro, e se fossero all'opera solo le forze della natura espresse attraverso i tre regni (minerale, vegetale, animale), la vibrazione terrestre sarebbe di 7,82 hertz. Oggi questa vibrazione, non udibile dall'orecchio umano, può essere trovata solo in luoghi naturali isolati (un bosco, ad esempio), lontani dal frastuono della civiltà.

Nel pensiero cinese alla Terra si contrappone il Cielo: insieme essi rappresentano le due polarità dello yin e dello yang. Mentre la Terra è yin, il Cielo (cioè l'atmosfera terrestre) è yang, e la sua frequenza è il doppio di quella del pianeta, 15,64 hertz corrispondenti a 15.640 UB. La frequenza del Cielo è terapeutica solo per gli uccelli e gli insetti, cioè per quegli organismi che trascorrono gran parte della vita in aria; l'uomo sta sulla Terra ed è quindi calibrato sulla frequenza di quest'ultima.

Secondo quanto emerge dai test non esistono altre energie assimilabili al prana, intendendo con questo termine una vibrazione benefica canalizzabile e trasmissibile mediante l'imposizione delle mani: il prana si identifica esclusivamente con la frequenza della Terra. Il prana non è il campo magnetico terrestre, non è un campo elettrico o elettromagnetico di qualche genere, non è un'energia proveniente dal cielo, dallo spazio o da livelli superiori di realtà; il prana non è qualcosa che ci viene trasmesso dagli spiriti guida ma, come risulta dalle indagini condotte mediante radiestesia e test kinesiologici, corrisponde all'onda di 7,82 hertz emessa dal pianeta.

Shen Vis Prana, il metodo di pranopratica da me creato, trae l'ispirazione di partenza dal reiki tradizionale secondo Usui, ma è qualcosa di completamente nuovo che si avvale di test, sperimentazioni e studi riconducibili in una certa misura alle conoscenze di alcune importanti culture del passato. Lo scopo è quello di ottenere una maggiore efficacia rispetto a discipline analoghe.

La tecnica comprende 5 simboli provenienti dalle antiche civiltà (Egitto, Grecia, India); vi è poi tutta una serie di trattamenti, di metodi per imporre le mani e di manipolazioni energetiche per intervenire su disarmonie di vario tipo.

 

La dea egizia Maat, con le ali spiegate in segno di protezione: simboleggia l'ordine cosmico, la giustizia e la verità.

 

Verifica del prana

Mediante un dispositivo di precisione si esegue la verifica dell'emissione pranica di ciascuna mano, e si rilascia certificazione.